L’NO2(biossido di azoto) è uno dei più importanti componenti dello smog che influenza la salute dell’uomo.

Le concentrazioni di questo gas, che è principalmente prodotto dai motori degli autoveicoli (diesel in particolare), dagli impianti di riscaldamento, dalla combustione di combustibili fossili (carbone) e dalle centrali elettriche, sono particolarmente elevate in Italia e in particolar modo nella Pianura Padana.

Il biossido d’azoto provoca irritazioni alle mucose dell’apparato respiratorio causando asma e bronchiti, oltre a patologie più gravi come edemi polmonari ed enfisemi. I soggetti più a rischio sono i bambini e gli anziani.

Il report Air Quality in Europe conferma ogni anno la pessima qualità dell’aria soprattutto in pianura padana. Il numero di morti premature dovute all’inquinamento atmosferico in Italia supera abbondantemente la media europea, e questo è vero in particolare proprio per l’NO2.

Perché monitorare la qualità dell'aria a Bologna

Le scelte urbanistiche che l’amministrazione di Bologna sta conducendo per la città rischiano di aumentare le situazioni di sovraccarico da traffico per diversi quartieri, peggiorando una qualità dell’aria già pessima a causa dell’inquinamento.

Aria pesa è una rete di comitati associazioni e liberi cittadini che contrastano queste scelte per creare un progetto partecipativo di rilevamento dei livelli di questo inquinante in città, che coinvolga direttamente i bolognesi che vorranno aderirvi.

L'iniziativa

Si tratta di posizionare un kit misuratore di NO2, molto piccolo e di facile gestione, in un punto vicino ai propri luoghi di riferimento (casa, lavoro, scuola, ecc.) per poi rimuoverlo dopo 4 settimane e consegnarlo in uno dei punti di raccolta predisposti che, a loro volta, lo invieranno in un apposito laboratorio per le analisi necessarie.

Un’esperienza simile è stata già attuata in diverse città europee, con risultati molto interessanti anche per l’aspetto innovativo di questa modalità di studio partecipativo.

In Italia è stata realizzata a Milano dai Cittadini per l’aria e grazie alla loro esperienza e supporto cerchiamo di proporre l’esperimento anche a Bologna.

L’obbiettivo è quello di creare una mappa capillare delle concentrazioni di NO2 a Bologna, per evidenziare le aree più critiche, perché l’NO2, come tutti gli inquinanti, si concentra a livelli più elevati in prossimità delle sorgenti di emissione, che per l’NO2 sono soprattutto strade e autostrade.

Partecipare al nostro monitoraggio è semplice e può contribuire in maniera decisiva a migliorare le scelte urbanistiche verso modelli di vera sostenibilità.

Iscriviti

Compila il modulo con la promessa di adesione. Conserva il codice di prenotazione.

Sarai ricontattato appena il tuo rilevatore sarà disponibile



Ritira

Ritira il tuo rilevatore presso uno dei punti di ritiro indicati.

Ti verrà spiegato come utilizzare il rilevatore



Rileva

Segui le istruzioni e diventa parte della prima mappa partecipata dell'inquinamento da NO2 a Bologna!

I risultati verranno visualizzati su questo sito